29.6.17

Aperismoothie: l'aperitivo detox per l'estate!




Se concedersi un aperitivo è un piacere tutto l'anno, in estate diventa quasi impossibile rinunciarvi!
Il sole tramonta tardi, le giornate si fanno più lunghe e il tempo che possiamo dedicare al relax e agli amici non è più limitato al solo fine settimana.
Eppure, ahinoi, non tutti gli aperitivi che consumiamo sono uguali: quelli alcolici contengono sostanze tossiche per l'organismo, quelli analcolici contengono sciroppi e/o succhi ad alto tasso di zuccheri (e ben poca frutta fresca)... senza contare il fatto che gli snack che li accompagnano sono sempre ricchi di grassi idrogenati e di sodio e molto poveri sotto il profilo nutrizionale.
Questo aperismoothie (vi piace il nome con cui l'ho battezzato?!) rappresenta un tentativo di fare dell'aperitivo non soltanto una piacevole occasione di relax ma anche un modo per concedersi uno spuntino spezzafame che sia leggero, rinfrescante, sano e addirittura nutriente!
Come primo esperimento, ho voluto provare questa variante detox, ricca cioè di sostanze detossinanti e depurative (quali l'acqua - compresa quella contenuta in abbondanza nei cetrioli - e il succo di limone). Qualche fogliolina di menta, un pizzico di pepe nero... e poi non vi resta che scegliere della frutta a guscio e delle olive fresche per completare il vostro aperitivo!
Per ottenere la cremosità tipica dello smoothie e l'effetto "ghiacciato" al momento di servirlo, si usa aggiungere del latte o dello yogurt e dei cubetti di ghiaccio. Io ho sperimentato un piccolo trucchetto per ovviare all'omissione di tutti questi ingredienti... curiosi di sapere quale? Leggete il procedimento e fatemi sapere se vi piace!


Questa ricetta estiva super fresca e leggera è ovviamente dedicata alla rubrica settimanale Il sorriso vien mangiando... sano! curata a quattro mani con la Dottoressa nutrizionista Maria Rosaria Amoroso.
Se volete avere sempre a portata di mano i preziosi suggerimenti della nutrizionista, porle delle domande per sciogliere i vostri dubbi in tema di nutrizione e scoprire le ricette che ogni venerdì vi proporremo, seguite la sua pagina Facebook e il suo profilo Instagram!
Non dimenticate di renderci partecipi dei vostri esperimenti culinari taggandoci nelle foto delle vostre ricette! Le riproporremo sulle nostre pagine per incoraggiare altri lettori a seguire il vostro esempio! :)



SMOOTHIE DI CETRIOLO
con menta, succo di limone e pepe nero

dosi per 4 persone





2 cetrioli (circa 400 gr)
il succo appena spremuto di un limone
40 gr di acqua
una manciata di foglie di menta
1/2 cucchiaino di pepe nero macinato
un pizzico di sale (facoltativo)



Tagliate i cetrioli a fettine, quindi private ciascuna rondella della propria buccia.
Ponete le fettine di cetriolo in una busta per alimenti e trasferite in congelatore per almeno 2 ore.
Al momento di servire lo smoothie, unite nel boccale del mixer le fettine di cetriolo congelate e tutti gli altri ingredienti, quindi mixate fino ad ottenere un frullato il più possibile omogenea (aggiungendo altra poca acqua solo se necessario).
Servite subito, nei bicchieri che più vi piacciono e con gli snack più salutari che avete! ;-)



23.6.17

Spaghetti integrali con le zucchine... speciali!




Questa ricetta è legata ai ricordi delle mie estati torinesi, quelle che da ragazzina trascorrevo a casa di zio Peppino, il fratello del mio papà, insieme a mia cugina Veronica.
In occasione di una delle solite, amorevoli diatribe con mio padre, un giorno zio sentenziò: a pranzo te cucino 'na pasta e cucuzzielle... ca accussì bbuona nun l'haje maje mangiata!
E infatti, da quel giorno in cui l'assaggiammo, non solo è diventata la nostra versione di pasta con le zucchine preferita, ma è addirittura entrata di diritto nei nostri menu estivi settimanali!
Cos'ha di tanto speciale? Niente, a parte l'autore. Forse è la sua elegante semplicità a renderla tanto amata!
Le zucchine, leggermente rosolate nell'olio insaporito con l'aglio, prendono un sapore ricco e rotondo che gli spaghetti catturano alla perfezione; il formaggio stagionato rende il tutto irresistibilmente appetitoso e il basilico esalta la freschezza del piatto.

Anche questa ricetta è dedicata alla rubrica settimanale Il sorriso vien mangiando... sano! curata a quattro mani con la Dottoressa nutrizionista Maria Rosaria Amoroso.
Se volete avere sempre a portata di mano i preziosi suggerimenti della nutrizionista, porle delle domande per sciogliere i vostri dubbi in tema di nutrizione e scoprire le ricette che ogni venerdì vi proporremo, seguite la sua pagina Facebook e il suo profilo Instagram!
Non dimenticate di renderci partecipi dei vostri esperimenti culinari taggandoci nelle foto delle vostre ricette! Le riproporremo sulle nostre pagine per incoraggiare altri lettori a seguire il vostro esempio! :)



SPAGHETTI INTEGRALI
CON LE ZUCCHINE
dosi per 4 persone

 


800 gr di zucchine
350 gr di spaghetti integrali
3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
2 spicchi d'aglio
50 gr di pecorino romano grattugiato
basilico a piacere
sale q.b.




Lavare e mondare le zucchine, quindi tagliarle a rondelle abbastanza sottili.
In una padella antiaderente, riscaldare l'olio e farvi rosolare per un minuto l'aglio tagliato a fettine e privato dell'anima (la parte interna verde, leggermente amarognola).
Aggiungere le zucchine e lasciarle soffriggere a fuoco dolce per circa 20 minuti, rimestando ogni tanto per controllare che non si attacchino sul fondo della padella.
Quando le zucchine saranno morbide ma non disfatte, si può spegnere il fuoco.
Cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata per circa 8-9 minuti, scolarli al dente e farli mantecare nella padella con le zucchine e il pecorino grattugiato.
Servire subito con un'ulteriore spolverata di pecorino grattugiato e un ciuffetto di basilico fresco.



9.6.17

Crumble di ciliegie (senza burro e senza glutine)




Il crumble è un tipico dolce inglese (e irlandese) composto quasi solamente di frutta cotta e una superficie croccantina e "briciolosa" (da qui il suo nome!).
La ricetta originale prevede, per il crumble, un impasto a base di farina, burro e zucchero. Come rendere più leggero e salutare, dunque, un dolce tanto goloso? Dedicare un po' di tempo e pazienza alla conoscenza degli ingredienti, del loro utilizzo in cucina e alla sperimentazione della loro combinazione paga sempre, soprattutto quando non si vuole rinunciare ad accontentare il palato per la linea.
Sostituiamo, perciò, la farina comune con una miscela grossolana di pistacchi, mandorle e farina di amaranto, rimpiazziamo il burro con l'olio di semi di girasole e lo zucchero con del miele e... l'impasto per un crumble a prova di dieta è pronto in men che non si dica!
Non avete organizzato alcuna gita fuori porta per questa giornata? Allora una pallina di gelato per accompagnare questo dolcetto ve la meritate tutta! ;-)


Anche questa ricetta è dedicata alla rubrica settimanale Il sorriso vien mangiando... sano! curata a quattro mani con la Dottoressa nutrizionista Maria Rosaria Amoroso.
Se volete avere sempre a portata di mano i preziosi suggerimenti della nutrizionista, porle delle domande per sciogliere i vostri dubbi in tema di nutrizione e scoprire le ricette che ogni venerdì vi proporremo, seguite la sua pagina Facebook e il suo profilo Instagram!
Non dimenticate di renderci partecipi dei vostri esperimenti culinari taggandoci nelle foto delle vostre ricette! Le riproporremo sulle nostre pagine per incoraggiare altri lettori a seguire il vostro esempio! :)



CRUMBLE DI CILIEGIE, MANDORLE E PISTACCHI

dosi per 4 cocotte (o uno stampo quadrato da 20 cm di lato)





per il ripieno

200 gr di ciliegie ben mature
2 cucchiai di succo di limone
1 cucchiaio di miele


per il crumble

50 gr di farina di amaranto
50 gr di mandorle
50 gr di pistacchi
50 gr di miele
30 gr di olio di semi di girasole





Preparate i crumble: lavate e denocciolate le ciliegie, tagliatele a metà e unitele in una terrina con il miele sciolto nel succo di limone. Mescolate e lasciate macerare per circa 15 minuti.

Nel frattempo, preparate la miscela per il crumble: frullate a intermittenza la farina di amaranto, le mandorle e i pistacchi nel bicchiere di un mixer, fino ad ottenere una miscela non troppo omogenea.
Aggiungete a questa miscela il miele leggermente intiepidito e l'olio e mescolate finché il mix di farina e frutta secca non si sia intriso ed inumidito. Il composto dovrà risultare leggermente sabbioso.

Distribuite le ciliegie tra le cocottes, coprite con un cucchiaio di crumble per parte e infornate nel forno preriscaldato a 170°.
Cuocete per circa 15 minuti; il crumble risulterà ancora morbido ma, una volta uscito dal forno e lasciato intiepidire, diventerà friabile.
Servite i crumble tiepidi, semplici o accompagnati da un cucchiaio di yogurt greco intero... o una pallina di gelato, se volete viziarvi! ;-)


2.6.17

Frittata di pasta al forno con gamberi, zucchine, piselli e carote



La frittata di maccheroni (spaghetti o bucatini, solitamente) è uno dei cibi da asporto più amati da noi napoletani... e non solo!
Quale occasione migliore di questo ponte del 2 giugno, quindi, per proporvela in una versione assolutamente leggera e sana?
Questa frittata (ribattezzata "fornata" dal Rosario) è cotta al forno e ha un ridottissimo contenuto di grassi, in quanto l'olio previsto per la frittura è quasi totalmente assente e la besciamella (che serve, insieme alle uova, a legare la pasta agli altri ingredienti) è del tutto priva di burro.
Al posto dei salumi e della carne ho utilizzato qui dei gamberi e delle verdure di stagione. Il risultato? Vi sorprenderà: provare per credere!




Anche questa ricetta è dedicata alla rubrica settimanale Il sorriso vien mangiando... sano! curata a quattro mani con la Dottoressa nutrizionista Maria Rosaria Amoroso.
Se volete avere sempre a portata di mano i preziosi suggerimenti della nutrizionista, porle delle domande per sciogliere i vostri dubbi in tema di nutrizione e scoprire le ricette che ogni venerdì vi proporremo, seguite la sua pagina Facebook e il suo profilo Instagram!
Non dimenticate di renderci partecipi dei vostri esperimenti culinari taggandoci nelle foto delle vostre ricette! Le riproporremo sulle nostre pagine per incoraggiare altri lettori a seguire il vostro esempio! :)



FRITTATA DI PASTA AL FORNO
CON GAMBERI, ZUCCHINE, PISELLI E CAROTE

dosi per 4 persone




per la besciamella senza burro

250 gr di latte
20 gr di farina "00"
un pizzicotto di sale
una grattata di noce moscata


200 gr di zucchine
200 gr di carote
100 gr di gamberetti
4 uova
250 gr di bucatini
1 cucchiaino colmo di sale fino
20 gr di parmigiano reggiano grattugiato
pangrattato q.b.





Preparate la besciamella light: in una casseruola, unite la farina e aggiungete il latte a temperatura ambiente, poco per volta, facendo in modo di formare una cremina senza grumi prima di aggiungere tutto il resto.
Cuocete mescolando continuamente finché non avrete ottenuto una salsa ben legata, quindi unite il sale e la noce moscata e lasciate raffreddare.

Lavate e private degli scarti le zucchine e le carote e tagliatele a dadini. Pulite i gamberi privandoli del carapace e del budellino e poneteli insieme alle zucchine, alle carote e ai piselli nel cestello per la cottura a vapore (io l'ho fatta al microonde).
Lasciate cuocere per una decina di minuti almeno, o comunque fin quando le carote non risulteranno più tenaci ai rebbi della forchetta.
Lasciate raffreddare il tutto e nel frattempo cuocete i bucatini al dente.

Preparate la frittata al forno: in un'ampia ciotola, unite le uova sbattute, la besciamella e il sale, quindi aggiungete i bucatini e tutti gli altri ingredienti, mescolando bene.
Ungete leggermente la teglia nella quale cuocerete la frittata, versatevi i bucatini conditi col resto degli ingredienti e cospargete la superficie con un po' di pangrattato e di parmigiano.
Cuocete per circa mezz'ora in forno preriscaldato a 180°. La frittata sarà pronta quando il pangrattato e il parmigiano in superficie avranno formato una leggera crosticina dorata.
Lasciate raffreddare completamente prima di tagliare a fette e avvolgere in carta alluminio ciascuna porzione da asporto.


26.5.17

Gelato alle nespole light (in 3 ingredienti!)




State seguendo un regime alimentare controllato ma non volete rinunciare al piacere rinfrescante di un bel gelato?
Preparatevelo in casa, in poco più di due ingredienti e due mosse!
Più che un gelato, questo è un frozen yogurt: l'ingrediente principale di questa ricetta è proprio lo yogurt intero, che dona una delicata cremosità al prodotto finale (pur avendo pochissimi grassi) e si sposa perfettamente con il sapore tendente all'acidulo delle nespole.
Io ho usato quelle dolci e mature colte nella campagna di nonno Rosario: limitatevi anche voi con il dolcificante e assaporate questo gelato nel pieno della sua naturalezza, il palato (e la bilancia!) vi ringrazieranno. ;-)


Questa ricetta non poteva non essere dedicata alla rubrica settimanale Il sorriso vien mangiando... sano! curata a quattro mani con la Dottoressa nutrizionista Maria Rosaria Amoroso.
Se volete avere sempre a portata di mano i preziosi suggerimenti della nutrizionista, porle delle domande per sciogliere i vostri dubbi in tema di nutrizione e scoprire le ricette che ogni venerdì vi proporremo, seguite la sua pagina Facebook e il suo profilo Instagram!
Non dimenticate di renderci partecipi dei vostri esperimenti culinari taggandoci nelle foto delle vostre ricette! Le riproporremo sulle nostre pagine per incoraggiare altri lettori a seguire il vostro esempio! :)


FROZEN YOGURT ALLE NESPOLE

dosi per 2 persone




160 gr di nespole al netto degli scarti (sono circa 8)
250 gr di yogurt bianco intero
25 gr di sciroppo d'agave




Pelate e denocciolate le nespole, tagliatele a dadini e ponetele in un pentolino dal fondo spesso con lo sciroppo d'agave.






Cuocete a fuoco dolce per alcuni minuti, mescolando spesso, finché il sughino che si sarà formato non si sarà ristretto un po'.



Lasciate raffreddare completamente prima di incorporare lo yogurt, quindi frullate il tutto con un minipimer, coprite con pellicola alimentare e trasferite in freezer.



Dopo 2 ore, frullate brevemente il composto con le fruste elettriche per rompere i cristalli di ghiaccio, quindi trasferite nuovamente nel congelatore e ripetete la stessa operazione dopo mezz'ora la prima volta e dopo un'altra mezz'ora la seconda volta. A questo punto il gelato sarà pronto per essere servito.